Chi deve amare chi sono? ?>

Chi deve amare chi sono?

  Ora mi guardo e mentre lo faccio mi vedo, a raso pelle, tracce di vita e più profondo, non mi sento capita,   ma poi, chi deve amare chi sono? fuori di me non esiste nessuno, fuori di me c’è solo frastuono,   qui tra pensieri e parole, non mi rimane che far capriole, senza paura di chi non mi vuole,   non sono sola, sola non sono, qui accanto a me lembi di sole, e un sogno scritto…

Continua Continua

Resta qui e ora ?>

Resta qui e ora

Se continui ad aspettare un domani migliore, perderai un oggi che potrebbe soddisfare i tuoi bisogni. Oggi è uno spazio che contiene tutto, il problema è che i tuoi occhi sono così impegnati a guardare ciò che manca che quello che vedi ha lo stesso sapore di un fantasma senz’anima. Come sarebbe se riuscissi a cambiare sguardo e invece che proiettarlo verso un cielo zeppo di false illusioni, lo lasciassi libero di gustarsi un “qui e ora” reale, dove il…

Continua Continua

Cosa avrebbe da dire il tuo cuore? ?>

Cosa avrebbe da dire il tuo cuore?

Ti sei mai soffermato in atto di ascolto lasciando scaturire quelle parole che evocano ciò che senti veramente? Che cosa avrebbe da dire il tuo cuore se lo lasciassi parlare? Continuiamo a leggere e postare, frasi e citazioni di altri cuori, quelle che hanno fatto breccia sul nostro, quelle che spiegano ciò che anche noi avremmo voluto dire. Continuiamo a credere di non essere capaci a dire la nostra, convinti di non riuscire a dare un senso metrico ai sentimenti…

Continua Continua

Dolce follia ?>

Dolce follia

Sei una dolce follia che mi penetra mai troppo intenso mai senza senso   Irragionevole batticuore punto fermo nell’incanto di un cielo zeppo di stelle   delicato riverbero intriso di succo vitale a nutrirmi   uomo, Dio ora unicamente mio   ti ho cercato, trovato, amato ti ho perduto riconquistato   ora sei, più che mai sei semplicemente amore   Ph Jessica Aldeghi       .

Salute è assenza di malattia? ?>

Salute è assenza di malattia?

Quando pensiamo alla parola “salute” nell’immaginario collettivo, scatta per contrapposizione la parola “malattia” e viceversa. Salute è veramente assenza di malattia e malattia è veramente assenza di salute? Per essere in salute occorre veramente eliminare la malattia? E…, la malattia è veramente un mostro a sei facce da temere? Innanzitutto la salute è uno “stato di completo benessere, fisico, mentale, psichico, spirituale, sociale per ottenere la propria e altrui serenità “.  Si evince da queste parole che per stare bene…

Continua Continua

C’è un prima e un dopo ?>

C’è un prima e un dopo

C’è un prima e un dopo e nel centro io, insolitamente triste. Un foglio bianco con un disegno astratto che racconta il caos che anima questo istante di vuoto e domande. Nel mondo, uno sguardo sonnambulo e il diritto di ricevere il premio all’omertà. Tra gli spicchi del vento il respiro di un sogno e la felicità, nel centro un cuore senza direzione che si apre all’infinito e piange di paura. Ho perso il ritmo, ora la danza è caotica,…

Continua Continua

Io ti immagino ?>

Io ti immagino

Io ti immagino come un’ossessione che tempesta i miei pensieri e mi rende smaniosa come una fanciulla ancora troppo giovane per cedere alle tentazioni. Un profumo così intenso da togliermi il fiato, unica possibilità di incontrare me e riscoprirmi donna. Io ti immagino dentro scenari d’amore che mi rapiscono facendomi perdere l’orientamento, brusca possibilità di ritrovarmi sveglia dentro uno spicchio di cielo. Involontario movimento sensuale che mi seduce togliendomi la volontà del respiro. Io ti immagino mio senza possederti unico…

Continua Continua

Madre ?>

Madre

In questo foglio senza poesia scrivo il mio dolore, oggi la luce dei miei occhi è tenue, come in una lampada di sale, e la tua, invisibile percezione del tutto che ti ha accolto. Oh Madre! Se solo potessi raccontarmi con voce umana i luoghi a me sconosciuti, forse questo cuore cesserebbe di soffrire. Ho bisogno di far tacere questa mente invadente che teme i misteri,  solo così può scendere il silenzio. Madre Parlami, fallo ora che hai appena iniziato…

Continua Continua

Di là dal cielo ?>

Di là dal cielo

Come si fa a parlare di morte? Io ho solo visto altri morire, partire per quel lungo viaggio di là dal cielo. Posso solo dire che ogni volta che qualcuno mi ha lasciato si è generato un vuoto dentro il mio cuore come se la morte mi avesse derubato qualcosa che credevo mio. A me la morte fa paura, forse perché ogni volta dimentico che ogni giorno muoio per fare spazio al prossimo o forse perché mi sento, così banalmente umana…

Continua Continua

Cambio strada ?>

Cambio strada

Mi muovo come una poesia e vibrante diffondo un po’ di me, sono nata per strapparti dal cuore le radici dell’oscurità, per ricordarti che i sogni sono stille dell’immaginazione di Dio che si appropriano di noi per diventare attimi d’intensità in questo spazio di vita. Mi muovo come una bambina dentro un corpo extralarge e goffamente cammino penzoloni, e da questo spazio osservo com’è triste, essere grande, avendo dimenticato di essere stata piccola. Com’è triste aver cristallizzato lo sguardo all’ingiù,…

Continua Continua